Return to site

#SELFPQ16 Perché un incontro sul Self Publishing?

 

 

 

 

 

Perché è un'opportunità per: lettori, autori e professionisti

Perché alcuni autori scelgono il Self Publishing, al posto della casa editrice?

Quali sono i motivi per cui il fenomeno sta aumentando?

Perché anche gli scrittori affermati usano questa modalità di pubblicazione, insieme a quella tradizionale?

Da queste domande nasce l’incontro sul Self Publishing che stiamo organizzando. Difatti, com’è noto, il fenomeno dell’autopubblicazione si sta sviluppando, non solo tra quelle persone che si occupano di scrittura per hobby ma, anche, tra coloro che hanno già avuto esperienze di pubblicazione tradizionale con le case editrici.

La disintermediazione dei servizi...

L’attività di autopubblicazione sul web coinvolge diverse categorie di soggetti e trova la sua matrice nell’ambito della User Generated Content, dove gli utenti producono i contenuti. Ma il fenomeno è riconducibile anche al termine disintermediazione che, come sottolinea Gino Roncaglia, apparve profeticamente nel 1983 all’interno del volume di Paul Hawken, The Next Economy. In questo testo, l’autore – continua Roncaglia – osserva la disintermediazione attraverso le azioni che gli utenti svolgono in rete. In particolare, Hawken si focalizza su quei servizi commerciali e di consulenza che hanno sempre avuto bisogno di una figura intermediaria come l’acquisto di un biglietto per un viaggio aereo, la comunicazione del proprio reddito, ai fini del calcolo delle tasse, o la prenotazione di una camera d’albergo.

...e la libertà di creare contenuti

Un processo molto simile si sta verificando nelle realtà editoriali, dove scrittori esordienti e autori già noti al pubblico hanno deciso di sperimentare una nuova forma di pubblicazione che li ponga sia direttamente in rapporto con i lettori che con i processi produttivi e promozionali, travalicando il ruolo della casa editrice. 

Ma perché gli autori cercano il Self Publishing? 

Dunque, per comprendere cosa spinge gli scrittori – meno noti e quelli già conosciuti – ad avvicinarsi a questa nuova forma di produzione e a lasciare (a volte momentaneamente, altre definitivamente) le case editrici, pensiamo sia necessario incontrare gli autori che hanno sperimentato il Self Publishing testando i passaggi (se non tutti, almeno in parte) di quel processo di pubblicazione di cui, spesso, è la casa editrice a occuparsi. Pertanto, si ritiene importante ascoltare le loro esperienze, per chiarire motivi di una scelta non sempre “comoda”. Difatti, essa implica una serie di attività – dalla produzione alla promozione – che, all’interno di una casa editrice, sono affidate a differenti figure professionali. Mentre nell’autopubblicazione, gli autori, oltre a scrivere il proprio libro, devono occuparsi anche di capire come funziona, ad esempio sul piano tecnico, una certa piattaforma e quali attività intraprendere, per incrementare la visibilità del proprio prodotto editoriale.

La qualità nel Self Publishing

Ed è proprio dalla disintermediazione e dalla concentrazione di più figure, in quella unica dello scrittore, che emerge un’altra questione: attraverso quali parametri è possibile valutare la qualità di un testo autopubblicato? Dunque, l’evento mira anche a fare il punto su una riflessione molto delicata in cui si avvia un dibattito, sempre aperto, dove non mancano critiche – in alcuni casi soprattutto pregiudiziali – verso il Self Publishing. Poiché se è vero che esistono ebook e libri di scarso valore autopubblicati, è vero anche che questo accade all’interno delle case editrici, le quali, non di rado, chiedono un contributo economico agli autori per pubblicarne le opere, non sempre controllate, distribuite e promosse adeguatamente. Ma, allo stesso tempo, è possibile riscontrare la condizione contraria. Infatti, come esistono opere riconosciute di valore nell’editoria tradizionale così accade anche nel vasto mondo del Self Publishing.

Obiettivi dell'incontro

Ecco perché l’evento ha anche la funzione di promuovere la cultura dell’autopubblicazione, partendo principalmente dalle testimonianze dirette di chi l’ha scelta, al posto dell’editoria classica. L’obiettivo finale è anche quello di raccogliere del materiale utile alla creazione di un documento (che diventerà un ebook), in cui evidenziare le ragioni per le quali il Self Publishing sia un fenomeno che non si può ignorare - seppur presenti, attualmente, dei limiti su cui lavorare per superarli - anche per le sue potenziali capacità di creare figure professionali (e di rafforzare quelle esistenti), funzionali a offrire servizi di diverso tipo:

  • dal punto di vista tecnico, per la consulenza sull’uso di piattaforme di autopubblicazione italiane e straniere (come ad esempio Amazon, Smashwords e StreetLib, per citarne alcune) al fine di formattare, strutturare e scegliere la categoria dell’ebook e acquisire l’ISBN;
  • dal punto di vista grafico, per la realizzazione della copertina;
  • dal punto di vista qualitativo del testo come la correzione di bozze e l’editing;
  • dal punto di vista promozionale, per la cura di attività di Social media marketing come l’analisi del mercato e la creazione di contenuti per profili social, siti, blog e piattaforme video, al fine di incrementare le vendite.

Rispondiamo alle critiche sul Self Publishing

Un altro aspetto che si ritiene importante, riguarda la possibilità di rispondere, con questo documento, in modo ragionato e con dati effettivi, alle varie critiche – soprattutto a quelle con basi deboli, perché argomentate sulla scarsa conoscenza del fenomeno - che circolano, in particolare in rete, attorno al mondo del SelfPublishing. In questo modo, si ritiene che si possa contribuire non solo a rafforzare la cultura dell’autopubblicazione ma anche a conferirle credito e valore.

Non puoi mancare se...

  • ami leggere e vuoi "attingere" a nuovi libri, fuori dai circuiti tradizionali;
  • ami scrivere e vuoi: 
  1. autopubblicare il tuo libro, per la prima volta, e conoscere le esperienze di chi l'ha fatto prima di te; 
  2. se sei selfpublisher e vuoi conoscere le esperienze degli altri autori per migliorare la tua esperienza di autopubblicazione (dalla scrittura alla promozione dell'ebook); 
  3. se sei un professionista del settore (anche di una casa editrice, non mordiamo mica :-) ) e vuoi venire a conoscerci e a raccontarci la tua esperienza professionale.  

Ci vediamo a Roma! Il 17 Giugno h 14:00 presso la FUIS in Piazza Augusto Imperatore, 4 (Metro A Flaminio).

Ti è piaciuto l'articolo? Allora condividilo :-) 

All Posts
×

Almost done…

We just sent you an email. Please click the link in the email to confirm your subscription!

OKSubscriptions powered by Strikingly